Archivi del mese: aprile 2010

Mayday Parade!

Quest’anno, in occasione della MayDay Parade, lo spezzone no oil sfilerà in testa!

Data la velocità del corteo, non si potrà procedere veloci come in una critical mass. Il consiglio quindi è quello di lasciare la bici in Cadorna, arrivare in
Ticinese a piedi o con la metro e riprendersi la bici alla fine della parata. Il ritmo è invece adatto per grazielle, minibici, oppure bici che stanno in
piedi da sole (risciò’, carretti, ecc.) che sono benvenut* anche per trasportare acqua e vino..

Per chi poi volesse pedalare con foga a tutti i costi, ci sono i carri a pedali, che avranno bisogno di ricambio continuo!

(sito ufficiale MayDay 2010)

Passeggiata liberatoria in via Padova

Il prossimo giovedì 29 aprile, i cittadini di via Padova invitano tutti a fare una “passeggiata liberatoria” per il quartiere, dopo le ordinanze comunali del coprifuoco, dopo i rastrellamenti casa per casa.

Giovedì 29 aprile 2010, dalle 18.30 alle 20.00
Appuntamento in via Padova angolo via Don orione (MM Cimiano)

Partigiani in città studi

Giovedì 22 aprile h 15:30, aula D, Dipartimento di Fisica (via Celoria 16)

Presentazione del libro “OLTRE IL PONTE” sulla Resistenza in città studi (università e quartiere) con l’autore A. Quatela

Cicloaperitivo ecoprecario!

Mai stanchi di fare festa? E allora tutti alla Stecchetta, mercoledì 21, per un cicloaperitivo ecoprecario verso lo spezzone no-oil della mayday!

Dalle 19 si mangia, si beve e si chiacchera della costruzione dei meravigliosi carri che animeranno lo spezzone a pedali del primo maggio precario, ribelle e scatenato. poi volendo si danza un po’ che non fa mai male..

Dove? Alla Stecchetta temporanea, in fondo a vicolo de castilla (MM2 Gioia o Garibaldi, ma tanto la migliore idea resta quella di venire in bici)

Sempre mercoledì, ma alle 21, assemblea cittadina in Torchiera per discutere delle mobilitazioni neofasciste previste dal 24 aprile al 2 maggio a Milano.

Cicloteca

Perchè mettere dei libri in ciclofficina

Dalla sua nascita a oggi, la Ciclofficina RuotaLibera promuove la mobilità ciclabile attraverso la condivisione delle esperienze e mettendo a disposizione i ferri del mestiere per diffondere la pratica della manutenzione autogestita della bicicletta.

Oggi, accanto agli attrezzi, ai saperi, alle iniziative e ai servizi, la ciclofficina offre una selezione di libri – manuali, saggi, romanzi, guide – che speriamo possano stimolare un uso della bicicletta che vada al di là della sua convenienza o della sua praticità.

Usare la bicicletta per noi significa anche compiere una scelta politica e culturale e rappresenta il tentativo di invertire, quotidianamente e dal basso, una traiettoria di “sviluppo” che prevarica l’ambiente e che consuma risorse per il beneficio di pochi e sulla pelle di molti.

Come funziona

I libri della Cicloteca possono essere consultati in ciclofficina o presi in prestito durante gli orari di apertura. I manuali e alcuni “testi sacri”, che devono essere sempre a portata di mano, sono disponibili solo in consultazione.

Nell’elenco sono indicati i testi in prestito e in consultazione.

Per richiedere un libro in prestito, bisogna compilare un modulo e lasciare nominativo, indirizzo e numero di telefono.

Lungi da noi voler schedare i lettori. I dati ci servono per contattarvi qualora siate in ritardo con la consegna. Abbiamo pochi testi, ma buoni, in copia singola [1] e vorremmo renderli disponibili a chiunque abbia voglia di leggerli.

Per questo il prestito è a scadenza breve (2 settimane, con rientro il venerdì entro le ore 17.30), ma può essere rinnovato dal vivo o via mail qualora non ci fossero richieste di altri.

I libri della Cicloteca sono di tutti. Questo significa che devono essere trattati con cura affinché durino nel tempo. Chi porta a casa un libro ne è responsabile. In caso di smarrimento, il libro va ricomprato (o recuperato usato, l’importante è che torni ad occupare lo scaffale).

Per informazioni scrivete a [sveglia_cittastudi@inventati.org]

Trovate l’elenco dei libri sempre aggiornato sul blog


[1] Se avete a casa libri simili, uguali o pertinenti e volete donarli alla causa scriveteci!

La ciclofficina Cuccagna cambia nome

E diventa Balenga!

Inauguriamo la Cicloteca!

Come i più affezionati sanno bene, in ciclofficina adoriamo fare festa e questa volta, l’occasione è colta!

La Ciclofficina RuotaLibera è lieta di invitarvi, venerdì 16 aprile, dalle 18 fino a chiusura, all’inaugurazione della nuova Cicloteca, una raccolta di romanzi, guide, saggi e manuali di riparazione, in prestito o in consultazione. In italiano e in inglese, per fare una pausa tra una riparazione e l’altra o per continuare a pensare a RuotaLibera anche quando siamo chiusi.

ps. Se avete sedie pieghevoli (molto pieghevoli, la ciclofficina è piccola) in buono stato e resistenti che volete donare alla causa, portatele con voi.